You are here

Publications

Primary tabs

  1. Anna Perini; Francesco Ricci; L. Senter,
    Architettura del sistema di Supporto alle Decisioni nel campo della Gestione delle Emergenze,
    Il progetto IDA ha come obiettivo di fondo quello di testare tecnologie basate su agenti in un sistema di supporto alla pianificazione dell’intervento nelle situazioni di emergenza in impianti industriali. Il dominio di riferimento scelto è quello relativo ad un porto petroli. Tale dominio è già stato analizzato, in particolare sono stati individuati gli attori che concorrono alla gestione di un’emergenza in un porto petroli [8]. Date le limitate dimensioni del progetto si è convenuto di concentrarsi su un particolare attore (denominato Consigliere Direttivo) e relativamente ad esso sono stati definiti i requisiti per un sistema di supporto alle decisioni [8, sezione su “Specifiche Requisiti”]. Questa scelta indebolisce la motivazione di utilizzare tecnologie ad agenti nel progetto. Si terrà comunque conto di questo obiettivo di fondo del progetto nella prospettiva di estendere il sistema di supporto agli altri attori che intervengono nella gestione dell’emergenza in futuri progetti. In questo documento si descrive l’architettura del sistema di supporto per il Consigliere Direttivo realizzata seguendo la metodologia di progettazione object-oriented che si basa sulla notazione Unified Modeling Language (UML) [12]. Tale metodologia è stata seguita in parte per la descrizione qualitativa delle funzionalità di alto livello dei componenti del sistema (use cases diagrams) e in modo più esteso per la definizione delle classi che compongono il sistema (vista logica, class diagram). Per la progettazione ci si è avvalsi di uno strumento software (Rational Rose 4.01 per Windows95). In appendice si riporta una tabella dei simboli principali della notazione UML, utile per la lettura dei diagrammi riportati nel documento. In questo documento, in particolare, viene descritto il contributo IRST relativo alla definizione dell’architettura generale del sistema (sezione 2) e quello relativo alla definizione dell’architettura di un componente specifico del sistema: il Planner (sezione 3),
  2. Luca Cristoforetti,
    Riconoscimento di Design Pattern in modelli ad oggetti,
  3. Paolo Avesani; Anna Perini,
    Requisiti per un sistema di supporto alla gestione dei Piani di Emergenza Comunali,
  4. T. Coianiz; F. Fignoni,
    Text Block Detection for Document Segmentation,
    In this work a method to identify the text regions in a document, using texture based classification is presented. More precisely, homogeneous regions of a document are classified according to the two classes “text” and “non text”. The proposed method is based on Gabor filtering according to a scheme of multichannel filtering. Thanks to a preliminary spectral analysis is possible to perform the classification using only a couple of Gabor filters, tuned on the text interline frequency. The method relys basically on the measure of the ratio between the input signal, and the signal filtered with a suitable bank of Gabor filters, and does not require any a-priori knowledge on the text to classify,
  5. Gian Franco Dalla Betta; Maurizio Boscardin; Luciano Bosisio,
    A Comparative Evaluation of Integrated Capacitors for AC-Coupled Microstrip Detectors,
    The electrical reliability of integrated capacitors to be used for AC-coupled microstrip detectors has been investigated by characterizing a specially designed test chip. Capacitors employing different stacked dielectrics, including double-layer oxide, oxide-nitride, and oxide-nitride-oxide insulators, have been compared in terms of intrinsic breakdown field and extrinsic failures distribution. Results obtained from two fabrication runs are presented and discussed. The impact of the different technological options adopted on diode leakage current and bulk- and surface-generation parameters is also reported,
  6. Cesare Furlanello; Stefano Merler; C. Chemini,
    A New Bootstrap Method for Risk Assessment ofExposure to Lyme Disease,
    Lyme borreliosis, now the most common vector-borne illness in North America, may involve cardiac manifestations as atrioventricular block, myopericarditis, and rhythm disturbances. The overall prognosis of Lyme carditis is good, but temporary cardiac pacing may be required and late dilated cardiomyopathy may occur. Borreliosis should be suspected in all patients with unexplained cardiac symptoms (supraventricular tachiarrhythmia and especially in atrioventricular block of unknown origin in young patients) who have been exposed in regions invaded by the epidemic. Risk assessment of exposure to bites of infected ticks is thus needed for prevention and accurate diagnosis of borreliosis,
  7. Paolo Avesani; Anna Perini,
    Rassegna delle fonti del Dipartimento di Protezione Civile della Provincia Autonoma di Trento,
    Questo documento intende dare un quadro il più completo possibile delle banche dati sviluppate o in corso di definizione all'interno del dipartimento di protezione civile della Provincia Autonoma di Trento che possono risultare utili alla costituzione dell'archivio su cui si basa il sistema informativo per la definizione e gestione dei piano di emergenza, sistema in corso di progettazione presso il dipartimento. Per ciascuna base dati è stata compilata una scheda descrittiva contenente riferimenti ai dati gestiti, al tipo di archivio, al suo produttore, al gestiore e all'utilizzatore. Raccoglie inoltre informazioni dettagliate rispetto a tre aspetti fondamentali quali l'acquisizione, la manutenzione e l'utilizzo dell'archivio. Le schede offrono un quadro riassuntivo funzionale ad una rapida individuazione del contenuto informativo di ciascun archivio e di caratteristiche quali omogeneità, completezza e affidabioità dei dati contenuti. Questo documento è da considerarsi uno strumento di lavoro, quindi può essere soggetto a cambiamenti, anche rilevanti, sia nella forma che nei contenuti. In particolare potrà venire esteso ad archivi gestiti da altri dipartimenti P.A.T. che risultino utili al progetto del dipartimento di protezione civile,
  8. Paolo Avesani; Anna Perini,
    Sistemi informativi territoriali e applicazioni verticali,
    In questo documento si presenta una breve rassegna di due categorie di prodotti software: un primo insieme che comprende gli strumenti per la realizzazione di sistem informativi territoriali, un secondo insieme che contempla le applicazioini verticali per supportare le attività di prevenzione in materia di protezione civile. Tale rassegna è mirata a guidare la scelta del software più idoneo a realizzare un sistema informativo per la gestione dei piano di emergenza comunale per il rischio idrogeologico, sistema che è in corso di progettazione presso il dipartimento di protezione civile della Provincia Autonoma di Trento,
  9. C. Casotto,
    Un algoritmo distribuito per l'interrogazione di basi di dati federate,
  10. Chiara Ghidini,
    A Semantics for Contextual Reasoning: Theory and Two Relevant Applications,
    Since McCarthy`s Turing Award speech, in 1971, the notion of context has been used in Artificial Intelligence to localize reasoning, in the sense that intelligent agents reasoning depends on the situation agents are embedded in, and on their cognitive state. A typical example is McCarthy`s above theory, in which, depending on context, the `same` theory, describing a blocks world, can be represented in two different ways with a different degree of generality. The emphasis on the role of context in localizing reasoning does not mean that there is no relation between reasoning performed in different contexts. In many applications of contexts, e.g. reasoning about beliefs, reasoning about viewpoints, integration of heterogeneous information, and multiagent systems, reasoning may involve many interacting contexts. Therefore a certain form of compatibility must exist between facts described in different contexts. This thesis aims at defining a semantics for contextual reasoning, called Local Models Semantics, that formalizes the role of context in localizing reasoning and the relations (compatibilities) among different contexts. Additionally we use tis semantics to formalize two relevant applications, that is, reasoning about beliefs and the integration of heterogeneous information in a federated database. By developing the theory of Local Models Semantics we pursue two objectives. First we aim to illustrate the intuitions underlying the use of context in reasoning. In addition we define a formal semantics for contextual reasoning which formalizes these intuitions. These objectives are accomplished by giving the basic definitions of model, satisfiability, and logical consequence. By applying Local Models Semantics to reasoning about beliefs we intend to provide evidence that our semantics provides enough modularity and flexibility to formalize agents with various introspective reasoning capabilities. Finally, by applying Local Models Semantics to the integration of information coming from heterogeneous databases, we intend to show that a precise formal semantics of a federation of databases can be defined by considering each database in the federation as a context and interactions between different databases as relations between contexts,